Suggerimenti per controllare e combattere la tristezza nei bambini | Portale femminile

Febbraio 24, 2022

Rate this post

La tristezza è un'emozione molto comune nei bambini, nasce come risultato della perdita materiale ed emotiva di qualcosa a cui è legata. C'è un modo per gestire la tristezza nei bambini? Certo, sì, ed è molto importante influenzarli per controllare e superare questa emozione negativa. Un bambino non dovrebbe mai essere represso per essere triste , al contrario, dovrebbe essere insegnato il sentimento e i modi per gestirlo correttamente.

    Perché l'emozione della tristezza si manifesta nei bambini?

    Come altre emozioni, la tristezza è il risultato di un'azione precedente avvenuta a casa, a scuola o in altri luoghi in cui il bambino è cresciuto. Cioè, l'emozione della tristezza è inevitabile, anche da adulti ad un certo punto della nostra vita abbiamo provato una profonda tristezza. Da un punto di vista psicologico, la tristezza è il prodotto di delusioni, perdite e fallimenti, come altre emozioni dobbiamo imparare a gestirla fin da piccoli.

    È normale che i bambini siano tristi? Certo è normale, perché la tristezza è un processo emotivo che permette di assumere situazioni dolorose e con essa arriva la guarigione della ferita emotiva.

    Quali sono le cause più comuni dell'emozione di tristezza nei bambini?

    Le cause sono diverse e in tutti i casi è dovuto all'assenza o alla perdita di qualcosa a cui sono legate e che perderlo totalmente o temporaneamente innesca il sentimento. Tuttavia, le cause comuni sono il movimento, l'assenza temporanea o totale di uno dei genitori, la mancanza di attenzione, le situazioni avverse, i conflitti familiari, tra gli altri fattori.

    Leggi di più  Gli agrumi possono essere somministrati a un bambino di 10 mesi nella sua dieta?

    In che modo la tristezza influenza lo sviluppo emotivo del bambino?

    Può influenzare positivamente o negativamente a seconda della canalizzazione e dell'insegnamento che viene impartito ai bambini nel momento della tristezza. Cioè, se il bambino è permanentemente triste, l'influenza sullo sviluppo sarà negativa e può causare gravi patologie come la depressione infantile. Se invece i periodi di tristezza sono piccoli, il bambino potrà imparare dalla sua emozione e col tempo potrà controllarla e sapere che si tratta di una sensazione temporanea.

    Nessuno, assolutamente nessuno, è tranne la tristezza, poiché a un certo punto si presenterà e dovremo imparare a gestirla e affrontarla. Dobbiamo spiegare ai nostri figli che la tristezza non è un sintomo di debolezza , ma che è un'emozione normale legata alla perdita.

    Fa male per il bambino rimanere triste a lungo?

    Sì, i bambini, a seconda del tipo di perdita che hanno subito, possono impiegare un certo tempo per superare la loro tristezza. Ad esempio, quando un bambino piange la perdita di una persona cara, la tristezza è più comune e può durare a lungo. Nel caso in cui i motivi della tristezza siano piccole cose, il bambino dovrebbe superarla in breve tempo e continuare con la sua vita.

    Leggi di più  Quando utilizzare un marsupio ergonomico

    I bambini non dovrebbero essere tristi per molto tempo, poiché ciò potrebbe suggerire una malattia come la depressione infantile e dovrebbero essere curati da uno specialista.

    Suggerimenti per lavorare e controllare l'emozione della tristezza

    Non reprimere la tristezza

    I genitori devono essere guide per i nostri figli e insegnare loro a superare le loro brutte giornate essendo compressivi e amorevoli, non dobbiamo mai essere repressivi. I bambini i cui sentimenti sono repressi non saranno in grado di entrare in empatia con gli altri al momento dell'emozione repressa. Un bambino i cui sentimenti sono repressi svilupperà isolamento , somatizzazione, insicurezza e ansia.

    Spiega perché sorge la tristezza

    È importante fare un esempio di come nasce la tristezza e di tutto ciò che si può fare per sentirsi molto meglio e superare i periodi negativi della vita. Chiedi come si sentono e poi spiega perché è normale essere tristi in modo che acquisiscano familiarità con il fatto che tutte le emozioni sono temporanee, non importa quanto brutte sembrino.

    Identifica i sentimenti del bambino

    I bambini non sono sempre in grado di identificare da soli quale emozione stanno provando e possono facilmente confondersi. Ascolta i loro sentimenti, in base a ciò che hanno vissuto, sarai in grado di identificare se si tratta di tristezza, rabbia, frustrazione o altri sentimenti che tendono a sviluppare gli stessi sintomi. La tristezza si manifesta con irritabilità, pianto, cambiamento dell'appetito e altre patologie che di solito persistono solo nel periodo in cui si verificano.

    Leggi di più  Come arricciare le ciglia con un cucchiaio e farle durare? Trucchi per arricciare le ciglia senza piegaciglia

    Ascolta attentamente

    Ho notato che mio figlio è molto triste? chiedi cosa succede e ascolta attentamente cosa ha innescato la sensazione, in questo modo lo aiuterai a sentirsi meglio. Il modo migliore per aiutare a drenare una sensazione di tristezza è ascoltare il motivo per cui è stata causata e da lì cercare insieme una soluzione.

    Insegna loro ad esprimere le proprie emozioni

    Il modo migliore per insegnare a un bambino ad esprimere i propri sentimenti è attraverso la comunicazione affettiva e reciproca, in cui il bambino ha la sicurezza di parlare con i genitori . I sentimenti del bambino non dovrebbero essere criticati, anzi, per quanto strani possano sembrare, dovrebbe essere fornita una spiegazione tempestiva in modo che il bambino possa canalizzare le proprie emozioni.

    Dare abbracci e amore

    L'affetto è molto importante nell'educazione dei figli e soprattutto nei momenti in cui si prova una profonda tristezza. Dobbiamo sempre cercare di accarezzare, baciare e abbracciare i nostri figli in modo che sentano che anche se hanno passato un brutto momento per qualcosa, saremo sempre lì per sostenerli. Dobbiamo ricordare che come genitori influenziamo l'autostima dei nostri figli.

    Segui i consigli dati e vedrai come tuo figlio imparerà a superare la sua tristezza in modo assertivo senza danneggiare altre aree della sua vita in futuro.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Go up