È consigliabile superare la barriera dell'affetto tra psicologo e paziente? Portale femminile

Marzo 3, 2022

Rate this post

Benvenuto nel portale delle donne! Vorresti sapere se è opportuno o meno superare la barriera dell'affetto tra psicologo e paziente? Siete venuti nel posto giusto. Successivamente, ti diremo tutto ciò che devi sapere al riguardo e ti forniremo alcuni suggerimenti e strumenti in modo che tu possa metterlo in pratica.

È bello avere una relazione romantica tra uno psicologo e un paziente? Puoi amare il tuo paziente? ❤️

Prima di tutto, dobbiamo ricordare che questo è un argomento alquanto controverso. Anche considerato un tabù o qualcosa di proibito per alcune persone. Tuttavia, la frase " Ho una relazione romantica con uno psicologo" è più comune di quanto si pensi.

È anche normale che i pazienti facciano richieste ai loro psicologi, chiedendo cose come: cosa ne pensi di andare a mangiare da qualche parte? Verrai al mio matrimonio? Ti piacerebbe essere il padrino o la madrina di mio figlio?

La relazione che si crea all'interno dello studio può causare confusione sia al paziente che allo psicologo. In tutti i casi, non importa quanto sia buono il rapporto che hanno formato, dovrebbe essere limitato al professionista. Pertanto, la risposta a questo tipo di richiesta da parte dei pazienti dovrebbe essere sempre “no, mi dispiace”.

È lo psicologo che ha più esperienza con questi problemi, quindi sarà incaricato di rimanere concentrato sul lavoro e sulla cooperazione per risolvere il problema. Ma non è mai consigliabile farlo come amico, partner, familiare o amante.

Successivamente, ti diremo più in dettaglio come dovrebbe essere la relazione tra un terapeuta e un paziente.

empatia e accettazione

Empatia, accettazione incondizionata e autenticità sono le caratteristiche che ogni bravo psicologo dovrebbe avere. Al di là delle tecniche che utilizzerai per aiutare il paziente a risolvere un problema, avrai bisogno di questi tre pilastri fondamentali.

Negli ultimi anni sono stati condotti numerosi studi che dimostrano che l'empatia e l'accettazione incondizionata sono fattori chiave. Entrambi sono molto più importanti degli approcci terapeutici con cui si lavora. Il dovere di ogni psicologo è quello di poter accompagnare il proprio paziente nel percorso di guarigione e autonomia emotiva.

C'è da sperare che quando un terapeuta offre un senso di sicurezza , il paziente smetterà di essere sulla difensiva e sarà in grado di aprirsi completamente.

Molti di noi hanno bisogno di poter parlare con persone che ci capiscono. È importante poter parlare di ciò che sentiamo o sperimentiamo senza paura di essere giudicati o rifiutati. Dobbiamo essere in grado di fidarci di avere qualcuno che ci ascolti e con cui possiamo sfogarci. Questo è il ruolo che uno psicologo deve svolgere.

Limitato a fornire un aiuto professionale

Uno degli errori più frequenti che spesso commettono i terapeuti è proprio questo, il superamento della barriera affettiva tra psicologo e paziente.

Come vi abbiamo detto prima, è estremamente necessario che rimanga tale per tutta la terapia e anche dopo. Altrimenti, non saranno in grado di aiutarti a risolvere il problema per cui sei venuto in terapia per la prima volta.

Inoltre bisogna tener conto di una cosa molto importante: lo psicologo offre un servizio e lo fa pagare. Questa è la linea guida più chiara che possiamo darvi per farvi capire perché non è consigliabile superare la barriera dell'affetto tra psicologo e paziente.

Un altro aspetto importante che dobbiamo tenere in considerazione sul perché non è consigliabile superare la barriera dell'affetto tra psicologo e paziente è perché siamo completamente esposti . Una delle due parti (psicologo) ha tutte le informazioni sull'altra. Nel frattempo, il secondo (paziente) non sa praticamente nulla dell'altro.

Di conseguenza, se con il nostro psicologo cerchiamo di avere una relazione che vada oltre quella professionale, in futuro avremo migliaia di problemi.

Utilizzare un linguaggio appropriato per ogni sessione

Infine, un'altra delle caratteristiche del comportamento di uno psicologo con il suo paziente è il linguaggio che usa . Tutti i terapeuti sono abituati a trattare con un gran numero di persone.

Pertanto, non tutti avranno lo stesso livello di istruzione o lo stesso luogo di origine. Ecco perché devi adattare la tua lingua e appropriartene per ogni sessione particolare . In questo modo sarai in grado di raggiungere la corretta comprensione di ciascuno dei tuoi pazienti.

L'obiettivo di uno psicologo non è quello di ottenere l'ammirazione dei suoi pazienti per il suo livello culturale. Al contrario, l'uso dei termini tecnici deve essere spiegato nel modo più semplice per essere compreso.

Quali sono gli atteggiamenti che dovrebbe avere uno psicologo?

Come vi abbiamo detto nella sezione precedente, è importante che uno psicologo si limiti ad offrire un aiuto da una posizione professionale. Non è consigliabile superare la barriera dell'affetto tra psicologo e paziente.

Se vi state chiedendo quali sono gli atteggiamenti che dovrebbe avere uno psicologo? Te lo diremo di seguito:

  • Parla in modo chiaro e conciso: devi evitare a tutti i costi che il modo di esprimerti generi ambiguità, sia nel linguaggio verbale che non verbale. È meglio usare il minor gergo possibile.
  • Fai vedere ai tuoi pazienti i loro progressi: molte volte i pazienti hanno difficoltà a vedere quali sono stati i loro progressi durante la terapia. Evidenziarli è una cosa molto positiva.
  • Empatia: devi essere in grado di comprendere il comportamento del paziente dal tuo punto di vista e non dal tuo. Cioè, mettiti nei panni del paziente.
  • Comprendi la sofferenza: sarà anche necessario che tu comprenda il problema al 100%. Solo così potrai aiutare il tuo paziente a superarlo.
  • Evitare un conflitto di interessi: un buon psicologo dovrebbe limitarsi alle esigenze del suo paziente.
  • Parla di esperienze passate: parlare della tua esperienza passata è un modo per entrare in empatia con il paziente. Inoltre, può essere molto utile per risolvere il problema a portata di mano.
Leggi di più  Come idratare la pelle in modo naturale? Rimedi casalinghi per idratare la pelle secca sul corpo e sul viso | Portale Femminile

Riguardo a quest'ultimo punto, bisogna stare molto attenti a evitare che il paziente senta di "piacere" troppo il suo psicologo. In realtà, questo non è un male, purché ci siano limiti chiari e non vengano superati.

Atteggiamenti che non dovresti permettere dal tuo psicologo

Nella sezione precedente vi abbiamo parlato degli atteggiamenti che un bravo psicologo dovrebbe avere con il suo paziente. Ora, se hai notato che alcuni di essi il tuo terapeuta non ce l'ha, sicuramente ti starai chiedendo qual è il limite da non superare? Per quanto tempo mi è stato utile il tuo aiuto? Quali atteggiamenti non dovrei accettare dal mio psicologo?

Se hai tutte queste domande, ti aiutiamo a rispondere di seguito:

  • Giudica il tuo paziente: non dovresti permettere al tuo psicologo di giudicarti o di farti vergognare quando gli parli di un problema. È normale per noi incontrare persone che la pensano diversamente da noi. Tuttavia, un terapeuta deve cercare di capire la situazione e non imporre la sua opinione al paziente.
  • Non ti senti a tuo agio: il lavoro di uno psicologo è mettere a proprio agio i propri pazienti. Diversamente, non riusciranno ad aprirsi del tutto, tanto meno a risolvere il problema per il quale hai frequentato la terapia.
  • Non presta attenzione a ciò che gli dice il suo paziente: il lavoro di uno psicologo è ascoltare attivamente il suo paziente. Oltre a questo, non dovresti interrompere continuamente, poiché è un modo per cercare di imporre la tua opinione sulla questione.
  • Essere immorali: tutti i professionisti della salute mentale devono seguire un codice etico per garantire un servizio di qualità.
  • Sii impaziente: non dovresti nemmeno permettergli di essere troppo invadente o impaziente con i tuoi alti e bassi emotivi. Ti ricordi che sei lì per imparare a gestirli.
  • Andare oltre i limiti della relazione professionale: non è buona norma per uno psicologo cercare di oltrepassare i limiti della relazione professionale terapista-paziente o tentare di sedurti in qualsiasi modo.

Superare la barriera dell'affetto tra psicologo e paziente è possibile?

Se ti sei mai chiesto se è possibile che il tuo terapeuta si innamori di te, la risposta è sì. Come in ogni altra relazione umana, possono comparire sentimenti di attrazione o desiderio sessuale.

Tieni presente che in entrambi c'è una relazione costante, intima e stretta. Pertanto, non sarebbe insolito che si sviluppasse una sorta di infatuazione del terapeuta-paziente.

La maggior parte delle persone che visitano i terapeuti hanno una miriade di problemi che li affliggono. Come, ad esempio, possono essere personali, familiari, perdita, depressione, problemi di lavoro e molto altro, instabilità emotiva, ecc. Il ruolo dello psicologo è quello di essere in grado di aiutarli ad affrontarli.

In altre parole, finisce per essere come rifugio e salvezza per la persona trattata. Di conseguenza, ci sono molte possibilità che questa persona finisca per sviluppare un legame sentimentale o affettivo con il terapeuta.

Tuttavia, la persona trattata non è l'unica che può sviluppare tale legame o unione sentimentale o affettiva. Lo psicologo o il terapeuta possono anche innamorarsi del suo paziente. In genere, accade più frequentemente tra terapeuti poco preparati e inesperti . Oppure, coloro che affrontano i pazienti con nuove situazioni o esperienze nella loro pratica clinica.

Motivi e ragioni per cui la barriera dell'affetto tra psicologo e paziente è superata

Per spiegare le ragioni e le ragioni per cui è comune superare la barriera affettiva tra psicologo e paziente, dobbiamo parlare di sindrome del transfert. Questa teoria è stata sviluppata dal grande psicoanalista Sigmund Freud.

Durante la sua pratica clinica, ha scoperto che i suoi pazienti hanno sviluppato un legame emotivo e sentimentale con lui. Questa teoria la chiamò amore di transfert e controtransfert . Successivamente, spieghiamo di cosa tratta ciascuno di essi:

  • L'amore per transfert è il legame affettivo che il paziente sviluppa nei confronti del suo psicologo.
  • Al contrario, l' amore per controtransfert è il legame affettivo che lo psicologo sviluppa nei confronti del suo paziente.

Secondo Sigmund Freud, ogni volta che sperimentiamo una nuova sensazione, "richiamo" o "invochiamo" parte delle esperienze passate. Queste esperienze si verificano inconsciamente e dirigono il nostro modo di agire, sentire e pensare.

Si chiamava amore di transfert perché è proprio questo. Il modo in cui le nostre idee e sentimenti ci fanno creare un legame con le persone con cui ci siamo relazionati e sono proiettati su altre persone. Per quanto sia la prima volta che la vediamo e interagiamo con lei.

In altre parole, è il modo in cui la nostra mente rivive determinate esperienze del passato quando interagiamo con qualcuno. Nella maggior parte dei casi, sono le relazioni che formiamo con i nostri genitori che finiscono per avere un'influenza.

Ebbene, fin dall'infanzia lasciano segni molto importanti nel nostro inconscio. Di conseguenza, saranno questi marchi a manifestarsi nei futuri trasferimenti.

Leggi di più  Perché non sono fortunato in amore? Come smettere di avere sfortuna e attirare l'amore | Portale Femminile

Dal canto suo, il controtransfert sono le idee oi sentimenti che lo psicologo proietta sui suoi pazienti. Come l'amore di transfert, avviene attraverso esperienze passate e inconsciamente.

Come la sindrome di transfert viene evitata dal paziente

È molto difficile evitare la sindrome di transfert da parte del paziente durante le sessioni di terapia. Ebbene, in questo contesto, il funzionamento del nostro inconscio non si annulla automaticamente, anzi.

In questo modo, è normale che ci sia amore per transfert. Vale a dire che il paziente proietta nel suo psicologo tutti quei ricordi del suo inconscio. Pertanto, rivivrai quei legami affettivi del tuo passato.

Anche se per alcuni suona un po' illogico, è normale che il paziente veda come il suo rapporto con il proprio psicologo ricorda le relazioni che ha già vissuto. Così facendo , sarai in grado di provare lo stesso che hai provato per la persona proiettata nel tuo passato, che si tratti di amore o odio.

Sia nello psicologo che nel paziente, l' amore per transfert o per controtransfert non può essere evitato . Alla fine della giornata sono entrambe persone e non smetteranno di esserlo, non importa quanto abbiano una professione specifica. In entrambi i casi, il nostro inconscio può rivelarsi e impossessarsi del rapporto psicologo-paziente in modo pessimo.

Tuttavia, ci sono autori che hanno segnato la differenza tra transfert e controtransfert amore . Secondo loro, il controtransfert è il modo in cui uno psicologo reagisce ai transfert del paziente.

Come uno psicologo può evitare di provare sentimenti per il suo paziente

Come vi abbiamo detto prima, l'amore per controtransfert avviene nello psicologo verso il suo paziente. Questo accade inconsciamente, quindi non è possibile controllarlo, non importa quanto ci provino.

Parliamo di esseri umani e il fatto che abbia un dottorato in psicologia e psicoanalisi non cambia nulla. È impossibile lasciare tutti i nostri sentimenti , modi di pensare e agire fuori dalle sessioni.

Il controtransfert abbraccia tutti i sentimenti, i desideri, i desideri e le fantasie che si verificano nello psicologo con il suo paziente. È una risposta emotiva agli stimoli generati dalla persona trattata.

Tuttavia, il controtransfert può essere visto positivamente o negativamente. Bene, può essere di grande aiuto per il trattamento del paziente o meno.

In altre parole, la cosa migliore che uno psicologo può fare è imparare ad affrontare questo controtransfert e usarlo in modo positivo. Altrimenti finirà per diventare un ostacolo perché:

  • I pazienti non saranno in grado di affrontare consapevolmente problemi repressi.
  • I sentimenti che stai cercando di sopprimere limiteranno la tua capacità di analisi.
  • Lo psicologo non potrà far fluire o analizzare le associazioni del paziente.

Cosa succede se un paziente diventa dipendente dal suo terapeuta?

Anche se per alcune persone può sembrare illogico che il paziente diventi dipendente dal suo psicologo , accade molto frequentemente. Da una parte c'è chi non vede l'ora di finire l'intervento ed essere dimesso. Hanno già tutti gli strumenti necessari per risolvere i loro problemi in futuro e vogliono andare nel mondo per farlo.

D'altra parte, ci sono pazienti che generano un tipo di dipendenza o dipendenza dal proprio terapeuta. La fine delle sessioni rappresenta un abbandono. Inoltre, non vogliono affrontare la realtà che li aspetta fuori. Questo è un altro modo in cui viene superata la barriera dell'affetto tra lo psicologo e il paziente.

Generalmente, questa dipendenza dal loro terapeuta si verifica in pazienti che sono emotivamente dipendenti. Durante le sessioni hanno associato l'idea della terapia come rifugio e si rifiutano di lasciarla.

Se questo è il tuo caso e vuoi imparare a gestire la dipendenza dal tuo psicologo , segui questi suggerimenti:

  • Sii consapevole dei tuoi sentimenti: durante la terapia, il tuo psicologo può aiutarti a essere consapevole dei tuoi sentimenti. Mettilo in pratica per evitare di sviluppare quell'attaccamento.
  • Parlane con il tuo terapeuta: il modo migliore per evitare di aumentare ulteriormente tale dipendenza è parlarne in terapia. Dopotutto, sei lì per apprendere nuove abilità e gestire l'instabilità emotiva.
  • Presta attenzione agli atteggiamenti del tuo psicologo: se noti che è stato molto interessato alla tua vita personale, ti parla con affetto o come farebbe un caro amico, trova un altro terapeuta prima che sia troppo tardi.

Errori comuni da evitare se sei uno psicologo

Lavorare come psicologo non è per niente facile, soprattutto all'inizio, quando ancora non hai molta esperienza. Potresti aver studiato molto per ottenere il dottorato, ma la verità è che in pratica è molto più complesso.

Successivamente, parleremo dei cinque errori più comuni che gli psicologi di solito commettono durante le sessioni con i loro pazienti:

Non definire la relazione terapeuta-paziente

Questo è un aspetto fondamentale prima di iniziare la terapia. Occorre trovare un equilibrio tra un coinvolgimento emotivo ottimale con il paziente. Che ci sia troppo o troppo poco finirà per rovinare la relazione terapeuta-paziente.

Da un lato, se veniamo coinvolti troppo emotivamente , si crea un rapporto molto stretto. Di conseguenza, non potranno essere obiettivi, perché è apparso l'amore per controtransfert.

D'altra parte, se non diventiamo troppo coinvolti emotivamente con il paziente, si crea una relazione molto distante. Ciò può indurre la persona curata a interpretare che non sei interessato a nulla di ciò che è venuta a dirti. Di conseguenza, finirà per chiudersi e non essere onesto durante le sessioni.

Leggi di più  Come vivere e godersi l'essere single al massimo

giudicare i pazienti

Un altro degli errori più comuni in uno psicologo è il fatto di giudicare le convinzioni dei propri pazienti. Con questo non intendiamo dire che non dovrebbero aiutare i loro pazienti a riflettere sui pro e contro delle conseguenze che queste ideologie possono portare.

Il lavoro di un bravo psicologo è aiutare i propri pazienti ad affrontare tutti quei pensieri che li fanno stare male. Non dovresti mai cercare di cambiare quei pensieri o atteggiamenti che come terapeuti "credi" siano sbagliati.

non ascoltando attivamente

Per avanzare nella terapia, un aspetto fondamentale che ogni bravo psicologo deve avere è ascoltare attivamente i propri pazienti . Questo implica che:

  • Presta attenzione a ciò che dice il tuo paziente e prenditi cura di esso.
  • Elabora le informazioni che ti ha fornito per separare ciò che è rilevante da ciò che non lo è.
  • Ascolta ciò che il tuo paziente sta cercando di dire e non ciò che vuoi veramente sentire.
  • Rispondi a ciò che ti ha detto il tuo paziente, sia verbalmente che con il linguaggio del corpo.
  • Chiedi al tuo paziente di chiarire il significato di eventuali messaggi vaghi o impliciti che ti hanno dato.
  • Riassumi ciò che ha detto in modo organizzato, esprimendo i sentimenti impliciti ed espliciti del tuo paziente.

In questo modo, il tuo paziente vedrà che stai ascoltando attivamente tutto ciò che ha da dire. Inoltre, si sentirà a suo agio vedendo che ti interessa aiutarlo con il suo problema.

Parla molto o poco di te stesso

Ci sono molti psicologi che si imbattono in questa domanda durante le loro sedute : racconto di me al mio paziente o no? Rispondere a questa domanda è un po' complicato, poiché ci sono opinioni contrastanti.

Da un lato, parlare di noi stessi e raccontare ai nostri pazienti le proprie esperienze può essere positivo. Stiamo dimostrando loro che siamo trasparenti e questo aiuterà anche loro ad aprirsi.

Tuttavia, parlare troppo di te stesso può finire per essere controproducente. Tieni presente che la terapia è per il paziente e non per lo psicologo. Pertanto, questo non è né il momento né il luogo per parlare troppo di te stesso.

Ecco perché è estremamente necessario trovare un equilibrio per aumentare la fiducia con il tuo paziente. Ciò migliorerà senza dubbio l'efficacia della terapia.

Spiega al paziente cosa fare

Questo è un altro degli errori più frequenti che spesso gli psicologi commettono durante la terapia. È vero che il nostro ruolo è guidare i pazienti lungo il percorso della guarigione emotiva.

Tuttavia, devono essere prese in considerazione le decisioni e i desideri di ciascun paziente. Inoltre, se dici al tuo paziente quali sono i passaggi da seguire, possono accadere due cose:

  • Se qualcosa va storto, finisco per incolpare te per quello che è successo.
  • Non imparerà ad affrontare i propri problemi in futuro, dal momento che non gli stai dando strumenti, gli stai solo dicendo "fai questo" e basta.

Ecco perché, come per i punti precedenti, bisogna trovare un equilibrio e non dare troppe direttive. In caso contrario, il tuo paziente non potrà essere più autonomo quando esce per affrontare il mondo.

Come innamorarsi o conquistare uno psicologo

Se vuoi innamorarti o conquistare, devi scoprire o sapere cosa piace a uno psicologo e in questo processo è più complesso di quanto tu possa immaginare. In primo luogo, è capire che il terapeuta, oltre ad essere un professionista, è anche un essere umano, incline a sviluppare sentimenti affettivi verso un'altra persona.

Inoltre, capisci che essendo una persona non tutti sono uguali, quindi i gusti o le preferenze sono totalmente variabili. Per questo motivo, parlare di trucchi psicologici per innamorarsi dovrebbe guidare o adattarsi alle preferenze e alle caratteristiche di ogni persona in particolare.

Se dopo aver letto tutto sull'opportunità o meno di superare la barriera dell'affetto tra uno psicologo e un paziente e ancora quello che vuoi è conquistare, è meglio seguire i seguenti consigli o trucchi psicologici:

Mostrati come sei

Se l'obiettivo è far innamorare una persona , la strategia migliore è mostrare a quella persona chi sei veramente. Devi agire con naturalezza , per non suscitare false aspettative e quella persona non si innamori di qualcuno che non esiste.

Non mostrare un interesse eccessivo.

Attualmente i rapporti o i contatti con le persone falliscono principalmente per questo motivo , le persone tendono a sopraffare gli altri con eccessiva attenzione e interesse senza rispettare lo spazio.

dimostrare indipendenza

Sii una persona sicura e indipendente, dimostra di avere una vita tutta tua e separata per essere più attraente in questo modo.

sii attento

Devi osservare la persona in dettaglio, chiedere cosa gli piace e cosa no . Oltre a capire con cosa si sente a suo agio e cosa no, per evitare di non piacergli.

Finora siamo arrivati ​​con questa guida super completa sull'opportunità o meno di superare la barriera dell'affetto tra psicologo e paziente. Ci auguriamo che ti sia stato utile e che tu possa mettere in pratica tutti i consigli che abbiamo condiviso con te.

Ti invitiamo a condividere la tua esperienza qui sotto, nella casella dei commenti, e dirci , ti sei innamorato del tuo psicologo? Cosa ne hai fatto? Hai superato quella barriera dell'affetto psicologo e paziente? Hai altri consigli da dare ad altre persone che si trovano nella tua stessa situazione?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Go up