Come trattare la candidosi durante la gravidanza?

Agosto 31, 2022

Rate this post

bruciore di infezione

Da quale trimestre di gravidanza può comparire la candidosi?

Durante il secondo trimestre di gravidanza le infezioni da lieviti nell'area vaginale sono più comuni in gravidanza che in qualsiasi altro momento, è comune notare un aumento delle perdite vaginali, bianche e con uno strano odore.

Perché la candidosi compare durante la gravidanza?

La candidosi compare a causa delle abbondanti perdite vaginali che si sviluppano e dei cambiamenti ormonali in fase di gravidanza, portando con sé la possibile infezione con una crescita eccessiva del fungo Candida albicans .

Quali sono i sintomi della candidosi durante la gravidanza?

In gravidanza la candidosi può manifestarsi senza alcun sintomo, tenere presente alcuni di questi sintomi che possono insorgere durante il primo trimestre di gravidanza , secrezione biancastra, simile al latte, intenso prurito vaginale, bruciore o dolore durante la minzione, dolore intenso durante i rapporti sessuali , gonfiore nella zona intima e rossastro.

Suggerimenti per curare la candidosi durante la gravidanza - Vai sempre dal ginecologo

È sempre bene consultare prima un medico in modo che possa indicare i farmaci che si utilizzano generalmente, si inizia sempre con l'uso di creme vaginali o unguenti antimicotici, purché prescritti dall'ostetrico o dal ginecologo, tenere a tenere presente che la candidosi asintomatica viene trattata allo stesso modo, per evitare eventualmente di trasmetterla al bambino durante il parto.

Leggi di più  Come rilevare problemi di udito nei bambini?

incinta

Applicare creme o ovuli

È importante applicare creme e supposte, una delle migliori medicine moderne sono le supposte combinate ad azione rapida, che consistono in una serie di 3 supposte che vengono poste una ogni giorno, o creme degli stessi componenti che vengono poste dopo il lavaggio e prima di andare a letto.

Assumere farmaci antimicotici - Sempre sotto prescrizione medica

Gli antimicotici più comuni nel trattamento della candidosi in gravidanza sono nistatina, butoconazolo, clotrimazolo, miconazolo o terconazolo, tutti questi antinicotici devono sempre essere prescritti dal medico di fiducia, per assicurarsi che non danneggino la gravidanza.

Utilizzare saponi con pH fisiologico

Il sapone per la zona intima delle donne in gravidanza di solito aiuta grazie alla sua composizione e al suo pH adeguato, essendo un trattamento indicato per alleviare e migliorare la condizione causata dalla candidosi, avendo grandi benefici come calmante prurito, bruciore e irritazione e idratante e restitutivo pelle locale.

Indossa biancheria intima con tessuti naturali

È importante mantenere un abbigliamento morbido e comodo con tessuti naturali, ma soprattutto tenerlo pulito ed evitare così il rischio di contrarre candidosi, potete seguire questi piccoli consigli per evitare una possibile infezione , lavarlo con sapone neutro e risciacquarlo molto bene, non usare la doccia per lavare, lavare i vestiti nuovi, rinnovarla ogni sei mesi e asciugarla al sole.

Leggi di più  Cosa devo fare se mio figlio ha un dente scheggiato?

dolore bruciante

Come sapere se la candidosi è già stata curata?

Sapere se la candidosi è stata curata è molto facile se non si ha più nessuno di questi sintomi, è molto probabile che non si presenti più prurito e irritazione della vagina, sensazione di bruciore durante la minzione, non più quella sensazione di dolore al atto sessuale e la secrezione bianco latte, ovviamente dopo aver completato il trattamento, dovresti consultare il medico per essere sicuro della scomparsa del fungo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Go up