Qual è lo stato della blastocisti nel trasferimento di embrioni?

Luglio 5, 2022

Nelle procedure di riproduzione assistita, le variazioni che la cellula presenta sono essenziali per l'introduzione dell'embrione nell'utero. Per l'impianto embrionale, la blastocisti deve essere stata invasa nei giorni 20-21 del ciclo mestruale. Essendo un termine esclusivo di riproduzione umana, abbiamo deciso di parlare di tutto ciò che riguarda lo stadio di blastocisti e chiarire così i tuoi dubbi.

    Che cos'è il trasferimento dello stadio di blastocisti?

    La riproduzione assistita cerca di garantire che le donne rimangano incinte preparando la fecondazione dell'ovulo in laboratorio. Quando si parla del trasferimento dell'uovo fecondato allo stadio di blastocisti , si fa riferimento alla sua introduzione il quinto o il sesto giorno dopo l'incubazione. Per comprendere questi termini dovrai sapere quali differenze ci sono tra impianto embrionale e impianto naturale, poiché in entrambi è presente la blastocisti.

    El embrión necesita estar en un estado óptimo para que sea implantado en el útero y se concrete el embarazo deseado. El blastocisto debe encontrarse con su propio estado molecular para crecer y diferenciarse en el endometrio para prepararse en la llamada ventana de implantación. Ahora bien, la transferencia en estado de blastocisto es el momento en el que se introduce en el endometrio hasta que llegue a la cavidad del útero.

    Leggi di più  Come rimanere incinta dopo il trattamento del cancro? | Portale femminile

    In quale giorno è più efficace il trasferimento nella fase di blastocisti?

    Come accennato in precedenza, il trasferimento nella fase di blastocisti è più efficace tra i giorni cinque e sei . L'idea è che l'embrione entra in contatto con il rivestimento epiteliale dell'endometrio e quindi si attacca alla blastocisti entro sette giorni dalla fecondazione. Tutto quanto menzionato ha a che fare con i passaggi che vengono seguiti nel trattamento di fecondazione in vitro .

    Quando l'embrione preparato arriva in tempo all'utero, il corpo della donna creerà uno stroma endometriale per coprire il sito iniziale di penetrazione con l'epitelio. Sebbene la riproduzione degli esseri umani sembri piuttosto complessa, gli specialisti sfruttano alcune imperfezioni per aiutare le donne con problemi di fertilità. Molto sicuramente il medico spiegherà l' importanza di prendersi cura della gravidanza se viene raggiunta con mezzi artificiali, questo perché solo il 60% di esse supera le 20 settimane.

    Quando è raccomandato il trasferimento dello stadio di blastocisti?

    Poiché l'impianto dell'embrione è un processo progressivo, si raccomanda di eseguire il trasferimento dello stadio di blastocisti il ​​quinto o il sesto giorno dopo l'incubazione dell'uovo fecondato in laboratorio. Lo sviluppo coordinato di una blastocisti determinerà che una volta impiantata nella cavità uterina, si ottiene la gravidanza. Il processo di trasferimento nella fase di blastocisti prevede esattamente quattro fasi essenziali per il raggiungimento dell'obiettivo.

    Leggi di più  Qual è l'origine e il significato del nome Ana?

    Nella prima fase o pre-contatto, la blastocisti si posiziona all'interno della cavità uterina sul cosiddetto "tessuto endometriale". In questo processo si prevede che la blastocisti assuma una certa polarità in modo che successivamente negli altri processi venga creata la formazione placentare.

    Per la seconda fase o fase di apposizione è previsto lo sviluppo embrionale (giorno 5-8) e quindi la blastocisti inizia a posizionarsi. In questa fase, la blastocisti sarà già nell'utero e cercherà il suo posto lì per l'impianto. Il clou della seconda fase è che si verifica l'unione tra l'endometrio e l'embrione , resistendo al distacco dal flusso che lascia l'utero.

    Proprio per la terza fase, la blastocisti rompe la zona pellucida per il suo impianto, che avviene ovviamente, adesione, della durata di minuti o ore a seconda della risposta dell'embrione. Nella fase quattro e solo all'ottavo giorno avviene il vero trasferimento dello stato di blastocisti, che penetra nello strato epiteliale invadendo progressivamente lo stroma.

    Quali sono i vantaggi del trasferimento dello stadio di blastocisti?

    I vantaggi sono che mettendo in contatto le cellule del trofoblasto con la decidua e lo stroma, la futura madre avrà una migliore risposta immunitaria per ottenere una gravidanza. L'idea di effettuare il trasferimento nella fase di blastocisti è quella di garantire che le cellule stromali subiscano la decidualizzazione.

    Leggi di più  Come insegnare a un bambino a camminare con i giochi di stimolazione?

    Effettuare il trasferimento dell'embrione nella fase di blastocisti è importante per ottenere la sopravvivenza della specie (gravidanza). Se hai ancora dei dubbi, puoi leggere l'articolo che parla della possibilità di trasferire l'embrione il giorno 2 della riproduzione assistita.

    Come viene eseguito il trasferimento nella fase di blastocisti?

    Viene fatto attraverso un trattamento di fecondazione in vitro, utilizzando i propri ovuli quando la madre è in forma e donando ovuli quando le possibilità di rimanere incinta sono troppo basse. L'intera procedura viene eseguita attraverso una coltura preparata al microscopio utilizzando un'incubatrice che consente di mantenere l'unione ovulo-seme a una temperatura perfetta.

    Viene eseguita la puntura ovarica e quindi il giorno 5-7 è il momento di eseguire il trasferimento dell'embrione in modo che il suo processo aderisca all'utero. In tutto l'articolo è stato spiegato cos'è il trasferimento di blastocisti , speriamo che questo ti aiuti a decidere sulla riproduzione assistita.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Go up