Perché mio figlio non dorme bene la notte e si gira e rigira? Disturbo del sonno nei bambini | Portale femminile

Marzo 3, 2022

Rate this post

Benvenuto nel portale delle donne! Vuoi sapere perché mio figlio soffre di disturbi del sonno e perché non riesce a dormire bene la notte ? Siete venuti nel posto giusto. Successivamente, ti diremo tutto ciò che devi sapere al riguardo e ti forniremo alcuni suggerimenti e strumenti in modo che tu possa metterlo in pratica.

Perché mio figlio non dorme bene la notte e si gira e rigira? Disturbo del sonno nei bambini 😴

I disturbi del sonno non sono solo un disturbo tipico degli adulti, ma colpiscono anche i più piccoli. Il più delle volte, questo li rende molto irritati in incontrollabili. Pertanto, è normale che come genitori cerchiamo di provare diversi metodi per far addormentare i bambini .

Tuttavia, non è sempre facile trovare una cura naturale per i disturbi del sonno. Quello che succede è che prima devi sapere quali sono le cause che lo generano. Da ciò, è possibile stabilire una tecnica o un trattamento specifico per raggiungerlo.

Ecco perché abbiamo preparato una guida super completa di seguito in cui affronteremo tutti gli aspetti chiave. Inoltre, ti diremo come trattarlo nel migliore dei modi e fare così in modo che il tuo piccolo non soffra più di disturbi del sonno e possa avere un sonno riposante.

    Come vengono classificati i disturbi del sonno nei bambini?

    I disturbi del sonno nei bambini e negli adolescenti sono caratterizzati dal causare problemi prima di coricarsi. Ciò impedisce loro di riposare come dovrebbero, poiché non possono addormentarsi o rimanere addormentati tutta la notte.

    Il fatto di addormentarsi in orari non abituali o di avere molto sonno durante il giorno sono i sintomi principali. In questo modo incidono significativamente sulla loro vita quotidiana, impedendo loro di svolgere normalmente le loro attività.

    Inoltre, dovresti tenere presente che i disturbi del sonno nei bambini sono classificati in base alla gravità e alle caratteristiche di ciascun caso. Per di qua:

    Bambini con difficoltà a dormire

    Questo è il caso dei bambini con insonnia ed è caratterizzato da difficoltà ad addormentarsi e dormire tutta la notte. Comprende anche quei piccoli che sono molto stanchi durante il giorno, poiché sentono di non essersi riposati molto bene.

    I bambini con problemi di sonno dovrebbero avere questi sintomi per almeno un mese. La buona notizia è che, con l'aiuto del tuo pediatra, saranno in grado di risolverlo rapidamente.

    L'insonnia nei bambini può essere comportamentale o dovuta all'igiene. Il primo si riferisce a quei piccoli che non possono addormentarsi se sono soli. Generalmente, mostrano resistenza e ansia quando si tratta di andare a letto.

    Il secondo caso è legato alle attività che vengono svolte le ore prima di coricarsi. Ad esempio, il consumo di cioccolatini, zucchero, caffeina, l'uso di computer, tablet, TV, console, telefoni cellulari, ecc. Tutto ciò impedisce una buona qualità del sonno e un riposo adeguato.

    Bambini con anomalie del sonno

    Una delle anomalie più frequenti durante il sonno è la sindrome delle gambe senza riposo . Come indica il nome, implica la necessità di muovere le gambe quando si è sdraiati.

    Leggi di più  Qual è il modo migliore per evitare litigi tra fratelli?

    Un altro problema potrebbe essere la sindrome da ritardo di fase . Di solito inizia a manifestarsi dopo i 10 anni. Quando succede, i bambini hanno difficoltà ad addormentarsi la notte e ad alzarsi la mattina. Questo li rende assonnati tutto il giorno.

    Un'altra delle anomalie più frequenti durante il sonno è l'apnea ostruttiva o la sindrome da ipopnea . È un problema respiratorio caratterizzato da ostruzione parziale o totale delle vie aeree.

    Questa sindrome si verifica perché presenta alterazioni anatomiche. Ad esempio tonsille molto grandi, malformazioni craniche, obesità, reflusso gastroesofageo, malattie neurologiche, ecc.

    Terrori notturni e sonnambulismo

    Il sonnambulismo è un disturbo abbastanza comune nei bambini che si trovano nella fase scolastica. Di solito non richiede trattamento e si risolve nel tempo. Quando camminano nel sonno non ricordano nulla di ciò che è accaduto e non rispondono agli stimoli esterni.

    Per quanto riguarda i terrori notturni , possiamo dire che si tratta di un incubo, anche se molto più intenso. In questo caso, il bambino si alza improvvisamente urlando, piangendo ed è molto turbato e agitato. A differenza degli incubi, non rispondono agli stimoli esterni e il giorno dopo non ricordano nulla. In questo modo potremmo dire che è la stessa cosa che accade con il sonnambulismo.

    Sveglia a mezzanotte

    Svegliarsi nel cuore della notte è un altro dei disturbi del sonno più comuni nei bambini. Si tratta di una o più interruzioni durante la notte.

    Il ciclo del sonno è composto da quattro fasi e si succedono una dopo l'altra.

      Se riusciamo a dormire in media 8 ore al giorno, ripetiamo questo ciclo del sonno 5 o 6 volte. Bene, ognuno di loro dura circa 90 minuti.

      Come vengono trattati i disturbi del sonno nei bambini?

      I disturbi del sonno hanno un trattamento specifico che dipende da due cose principali. Uno di questi è la causa che lo genera. La seconda è l'età di tuo figlio.

      Neonati sotto i due mesi

      Nel caso di bambini al di sotto dei due mesi è importante che si allattino mentre sono svegli. Con questo, potranno associare la giornata al cibo.

      Dopo averlo nutrito, puoi tenerlo tra le braccia e aiutarlo a far passare il gas. Ricorda che il loro sistema digestivo non funziona ancora perfettamente.

      Inoltre, è importante che abbiano una routine prima di andare a dormire . Ad esempio: bagno, cena, storia e sonno. Infine, quando andrai a lasciarlo nella sua culla, lascialo dormire da solo e fallo mentre dorme.

      Bambini tra 2 e 5 mesi

      Già in questa fase dovresti continuare ad implementare la tua routine come ti abbiamo detto prima ed evitare di cambiarla bruscamente. Un altro consiglio che possiamo darvi è di non svegliarlo nel cuore della notte per dargli da mangiare dopo il quinto mese.

      Nel caso in cui si svegli, puoi calmarlo con carezze, canti o parole affettuose. Tuttavia, evita a tutti i costi di portarlo fuori dalla sua culla.

      Dall'età di 3 mesi, il bambino dovrebbe dormire nella sua stanza con le necessarie misure di sicurezza. A partire dai 5 mesi, puoi dargli un peluche o un giocattolo per aiutarlo a consolarsi.

      Leggi di più  Posso usare antiacidi naturali e rimedi casalinghi per il bruciore di stomaco o il reflusso in gravidanza? Raccomandazioni salutari

      Bambini sopra i 12 mesi

      A partire dall'anno , i bambini dovrebbero iniziare a dormire in un luogo tranquillo, buio e con una temperatura confortevole. Il tempo per andare a dormire e svegliarsi dovrebbe essere lo stesso ogni giorno.

      Evita di somministrare loro troppi liquidi, cioccolato o caffeina prima di andare a letto, poiché questo li incoraggia a svegliarsi la notte. Inoltre, cerca di evitare un'attività fisica intensa una o due ore prima di andare a dormire.

      Infine, dai 12 mesi si consiglia loro di fare un pisolino durante il giorno per evitare che si stanchino troppo la notte. Tuttavia, assicurati che non siano troppo lunghi.

      Bambini tra 2 e 5 anni

      Già dall'età di 2 anni, se il bambino piange o protesta di notte, riflette su quanto è successo durante il giorno. Continua con la routine come ogni giorno e cerca di calmarlo, dandogli sicurezza. Ma soprattutto, non urlare e non alzare la voce, per quanto le cose diventino difficili.

      Il pisolino deve continuare ad essere presente come complemento al sonno notturno. Come hai fatto fin da quando erano bambini, evita di somministrare loro cibi troppo liquidi o eccitanti (zucchero, caffeina, ecc.).

      Un altro consiglio che possiamo darti è di non associare mai il cibo o il sonno a una punizione. Se, ad esempio, tuo figlio si è comportato male, non dire cose come "sei punito, ora vai a dormire".

      Numero di ore che i bambini dovrebbero dormire

      È importante conoscere il numero di ore che i bambini e gli adolescenti hanno a disposizione per dormire. Durante le ore di sonno, non solo riposano, ma sviluppano anche il corpo.

      Tuttavia, il numero di ore in cui dovrebbero dormire dipende dall'età. Per di qua:

      • Fino a 2 anni: dalle 11:00 alle 14:00
      • Tra 3 e 5 anni: da 10 a 13 ore.
      • Da 6 a 12 anni: da 9 a 12 ore.
      • Dai 13 ai 18 anni: dalle 8 alle 10 ore.

      Non è salutare sottovalutare il numero di ore che un bambino o un adolescente dovrebbe dormire. Tuttavia, attualmente ci sono più del 60% di loro che non riposano le ore consigliate. Questo li predispone all'obesità, influenza il loro comportamento e diminuisce il loro rendimento scolastico.

      Disturbi più comuni che di solito colpiscono gli adolescenti

      I disturbi del sonno sono tutte quelle condizioni che impediscono al bambino di poter dormire correttamente o serenamente. Lo vedrai quasi sempre muoversi, svegliarsi o addormentarsi durante il giorno. Tuttavia, è importante identificare che tipo di disturbo è per sapere come controllarlo.

      Insonnia

      L'insonnia è uno dei disturbi del sonno più comuni negli adolescenti ed è principalmente caratterizzata da grandi difficoltà a rimanere o ad addormentarsi. Per questo motivo, hanno sempre la sensazione di non aver dormito bene e di essere molto stanchi.

      Sindrome apnea ostruttiva del sonno-ipopnea

      Questo è noto come disturbo respiratorio , in cui, a causa di diversi episodi di ostruzione parziale o totale delle vie aeree, il sonno viene costantemente interrotto.

      Per il trattamento può essere necessario un intervento chirurgico per rimuovere le tonsille. Un'altra alternativa meno invasiva è l'uso di una maschera di ossigeno per dormire.

      Leggi di più  Botox su viso, fronte e capelli: effetti collaterali, benefici e svantaggi

      Incubi

      Gli incubi sono considerati stati onirici, in cui il bambino prova molta paura e ansia . Finché non si sveglia piangendo, sudando e urlando. Perdi il sonno e ti senti stanco per la giornata.

      Narcolessia

      Infine, potrebbe essere dovuto alla narcolessia . Questa condizione è meno comune e di solito compare durante l'adolescenza. È caratterizzata fondamentalmente da uno stato di costante sonnolenza durante il giorno e perdita di tono muscolare.

      Come trattare i disturbi del sonno nei bambini?

      Calmare i bambini sarà sempre la prima cosa da fare. Tuttavia, se il supporto e le ninne nanne non fanno molto per addormentarlo, i genitori dovrebbero cercare un aiuto più specializzato per trattare questi disturbi, come:

      • Misure di igiene del sonno: Promuovendo abitudini sane, come lasciare che i bambini si rilassino, rispettare gli orari esatti del sonno, evitare giochi eccessivamente intensi prima di coricarsi, distrarre il bambino in base alla sua età. Evita i pasti molto pesanti prima di andare a letto. Tutto questo ti aiuterà a dormire meglio.
      • Aiuto psicologico: sono essenziali per identificare perché esistono i disturbi e come trattarli. Agisce direttamente sul comportamento del bambino e molte tecniche sono consigliate per il suo controllo a seconda dell'età del bambino.
      • Farmaco: deve sempre essere prescritto da un medico e viene utilizzato solo quando le misure precedenti non hanno dato alcun risultato per curare l'insonnia nel bambino.

      Cosa devo fare per evitare che mio figlio soffra di disturbi del sonno e dorma tutta la notte?

      Tutti i genitori sono consapevoli di tutte le conseguenze del non dormire bene. E quindi è bene evitare i disturbi del sonno nei bambini favorendo una buona abitudine al sonno e una vita molto più sana. Se hai notato che il tuo piccolo non dorme bene ultimamente, dovrai implementare alcune tecniche per aiutarlo a dormire.

      • Non farli guardare troppa televisione: l'attività fisica farà sempre bene al corpo per liberare tutta l'energia accumulata. Poi la notte saranno pronte a dormire, ma se sono in televisione non si stancheranno abbastanza.
      • Non consentire loro dispositivi elettronici nella stanza: sarà una distrazione costante e non dormiranno perché stanno navigando in Internet sul loro telefono o tablet.
      • Rendi la stanza silenziosa: senza alcun tipo di stimolo esterno e che sia al 100% privo di dispositivi elettronici che possono svegliarlo o distrarlo.
      • Rispettare l'orario di sonno: non metterlo a letto troppo tardi o alzarlo troppo presto. È ideale che tu abbia le otto ore di sonno regolamentari.

      Finora siamo arrivati ​​con questa guida super completa sul perché mio figlio soffre di disturbi del sonno e non dorme bene la notte? Ci auguriamo che ti sia stato utile e che tu possa mettere in pratica tutti i consigli che abbiamo condiviso con te.

      Ti invitiamo a condividere la tua esperienza qui sotto, nella casella dei commenti, e raccontarci come sei riuscito ad affrontare i disturbi del sonno nei bambini? Tuo figlio può dormire tutta la notte adesso? Hai altri consigli da dare ad altri genitori che si trovano in questa situazione?

      Lascia un commento

      Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

      Go up