In che modo lo stress influisce sui bambini e come faccio a sapere se mio figlio è sotto stress? | Portale femminile

Marzo 2, 2022

Rate this post

18Benvenuto! Oggi parleremo dei più piccoli di casa. Se vuoi sapere come lo stress colpisce i bambini, come sapere se ce l'hanno davvero, quali sono i sintomi e come prevenirlo, sei nel posto giusto. Ti diremo tutto ciò che devi sapere a riguardo.

Il più delle volte, troviamo difficile capire che i bambini possono provare stress. Pensiamo erroneamente che possano provare solo gioia, paura e altre emozioni ordinarie.

Tuttavia, la verità è che, proprio come gli adulti, i bambini possono essere colpiti dallo stress. Questo perché, come qualsiasi altra persona, sono esposti a tutti i tipi di emozioni.

La grande differenza tra un adulto e un bambino è il modo in cui lo esprimono. Per ovvie ragioni non hanno gli stessi strumenti ed esperienze che abbiamo noi. Di conseguenza, non sanno come affrontare le proprie emozioni e le manifestano in molti modi diversi.

Vuoi proteggere tuo figlio in modo che non soffra di stress o che possa superarlo? Continua a leggere questo articolo, qui ti diciamo come farlo.

    I bambini non sono preparati ad affrontare situazioni che richiedono un qualche tipo di nuovo adattamento. Ad esempio, un trasloco, una nuova scuola, il divorzio dei genitori, tra gli altri... Tuttavia, lo stress non deve essere necessariamente guidato da situazioni negative, ma anche positive, come iniziare un nuovo sport, conoscere nuove persone o viaggiare in posti nuovi.

    Nella maggior parte delle situazioni, lo stress o l'ansia sono causati da situazioni negative che si verificano nella vita del bambino. Come per tutte le emozioni, è bene avere un equilibrio con lo stress. Poiché in piccole quantità può affinare i sensi dei bambini e aiutarli a reagire in un certo modo a situazioni pericolose.

    Ma quando i livelli di stress iniziano a salire, tutto ciò che accade intorno a loro, anche le cose più piccole, diventa stressante. E questo è qualcosa che deve essere affrontato immediatamente. Tra le cause più comuni di stress infantile ci sono:

    • Preoccupazione per le richieste scolastiche.
    • Avere troppe responsabilità a scuola, a casa o se fai sport.
    • Problemi sociali con gli amici, trasloco o mancanza di un posto dove vivere.
    • Pensa negativamente a se stessi.
    • Cambiamenti drastici del corpo.
    • Separazione dai genitori.
    • Crisi finanziaria in casa.
    • Vivi in ​​un luogo pericoloso.

    Cosa posso fare se un bambino è stressato?

    Prima di tutto, dovresti analizzare quali sono state le cause che hanno causato lo stress di tuo figlio. Queste cause possono essere infinite, anche se la maggior parte può essere dovuta a:

    • Discussioni dei testimoni: dai loro genitori, amici, compagni di classe, ecc., indipendentemente dal fatto che ne siano testimoni, ne facciano parte o semplicemente li ascoltino.
    • Separazione o divorzio dei genitori
    • I membri della famiglia che vivono sotto stress, che vivono giorno per giorno di fretta.
    • I membri della famiglia che hanno una malattia o un problema di salute.
    • Bullismo: molte volte lo ignoriamo e questa è una causa sempre più frequente nei bambini e negli adolescenti.
    • Gelosia e rivalità tra fratelli
    • Avere delle paure e non saperle affrontare per superarle (oscurità, rumori forti, fobie in genere).

    Le emozioni dei piccoli sono sempre in superficie, e non sono ancora esperti a controllarle. Ebbene, non hanno gli stessi strumenti né hanno vissuto le stesse esperienze da adulti.

    Quindi come genitore è tuo dovere sapere come reagire nel caso in cui il tuo piccolo mostri segni di stress. Ecco alcuni suggerimenti che puoi fare se tuo figlio è stressato:

    Dai importanza a tutto ciò che sentono

    Prenditi qualche ora al giorno per offrire loro momenti di qualità e presta loro più attenzione, ascolta tutto ciò che hanno da dire.

    Leggi di più  Come realizzare giochi creativi, dinamiche e attività per la festa della mamma a casa oa scuola?

    Stimola la loro autostima, dai loro messaggi positivi prima di andare a dormire, ascoltali senza giudicarli, digli quanto li ami, che possono superare i loro ostacoli.

    Non metterli sotto pressione, dai loro tempo e spazio, offri loro un luogo sicuro dove possano sentirsi a proprio agio nell'esprimere ciò che provano. La cosa più importante è che tu lo faccia senza pressioni, esprimeranno ciò che sentono come possono e quando possono.

    Quest'ultimo punto è molto importante da tenere a mente. Molte volte i nostri figli attraversano una situazione molto traumatica e non possono parlarne in quel momento. Quando lo fanno, non giudicarli o punirli perché non potrebbero farlo prima. Dai loro il loro tempo e spazio.

    È di vitale importanza che tu offra loro un luogo sicuro, dove possano dire ciò che sentono senza paura di essere giudicati e senza sensi di colpa. Come genitori, dobbiamo mostrare loro che, per quanto grave sia quello che è successo, hanno una spalla su cui appoggiarsi e un orecchio per essere ascoltati.

    cambi di casa

    Elimina la violenza dalla tua casa. Non guardare programmi televisivi molto violenti o volgari quando sei con i più piccoli.

    Crea una routine quotidiana e imposta gli orari per svolgere determinate attività. Inoltre, lascia il tempo libero per non fare nulla. L'inattività è necessaria per rilassare il nostro corpo e la nostra mente.

    E la cosa più importante di tutte è che non si facciano cambiamenti improvvisi in casa. Tutte le modifiche apportate devono essere progressive.

    Prendi le giornate con più calma: una buona idea sarebbe quella di iniziare la giornata un po' prima per poter fare colazione con la famiglia.

    Dovresti anche insegnare loro a rilassarsi. Esistono migliaia di metodi per aiutarli a rilassarsi, come lo yoga, la meditazione, ecc. Ad alcuni bambini piace dipingere o fare sport, per esempio. Se questo è il suo caso, lascia che ci dedichi tutta la sua energia.

    Infine, mantenere una dieta equilibrata. Il cibo è uno dei fattori più importanti da tenere in considerazione per regolare lo stress.

    Conseguenze dello stress nei bambini

    Non ignorare mai i sintomi dello stress nei bambini. Poiché ciò non farà che peggiorare la situazione e raggiungere un punto di non ritorno! Le conseguenze possono essere gravi se non vengono adottate le misure preventive necessarie, come ad esempio:

    • Aumenta il rischio di sviluppare malattie neuropsichiatriche.
    • Aumenta le possibilità di soffrire di ansia.
    • Li include negli adolescenti che hanno maggiori probabilità di abusare di droghe o alcol.
    • soffre di autismo
    • sviluppare la schizofrenia.
    • Sviluppare malattie croniche come il diabete.
    • Sviluppa l'obesità.
    • Condizioni cardiovascolari e respiratorie.
    • grave depressione
    • Attacchi di rabbia molto aggressivi.
    • Problemi di socializzazione con altri bambini.
    • carenza a scuola.
    • Aumenta notevolmente l'amigdala cerebrale, creando attacchi di impulsività e aggressività.
    • Perdita di memoria.
    • Problemi di postura e movimento del corpo.
    • Fallimenti nella comunicazione tra gli emisferi del cervello.
    • Fallimenti nella percezione e nell'intelletto.
    • iperattività

    Quali sono i sintomi dello stress nei bambini?

    Come vi abbiamo detto all'inizio, ogni bambino è un mondo. Inoltre, dovresti tenere a mente che non ha i nostri stessi strumenti, quindi sarà in grado di manifestarlo in molti modi diversi. In altre parole, lo farà "tutto ciò che può" per attirare l'attenzione dei suoi genitori.

    In alcuni casi i bambini affetti da stress manifestano uno stato di grande irritabilità e sbalzi d'umore. Altri dormono di più, si isolano, tra gli altri. Successivamente, ti diciamo quali sono i sintomi principali a cui dovresti prestare attenzione: emozioni e cambiamenti fisici.

    Leggi di più  Cos'è Vanilla Love? E come sapere se sono intrappolato in una relazione o sesso alla vaniglia

    Sintomi emotivi di stress nei bambini

    I sintomi emotivi sono i più evidenti perché comportano un notevole cambiamento nel comportamento abituale. Per sapere se tuo figlio soffre o meno di stress, presta attenzione ai seguenti segni:

    • Regressioni: di tutti i tipi di comportamenti tipici delle fasi precedenti. Come, ad esempio, voler indossare un pannolino, pipì a letto, ritardi cognitivi, smettere di parlare, succhiarsi il pollice, ecc.
    • Cambiamenti improvvisi di umore in breve tempo: rabbia, ansia, pianto, ecc. Non è in grado di controllare le sue emozioni.
    • Preoccupazioni inadeguate all'età e reazioni eccessive a problemi minori.
    • Comparsa di nuove paure ricorrenti. Ad esempio, al buio, all'essere soli, a una persona in particolare, ecc.
    • Alti livelli di irritabilità, rabbia: potresti essere costantemente arrabbiato senza motivo e persino rompere i tuoi giocattoli e altre cose.
    • Comportamenti regressivi e testardi: sfidare coloro che stanno svolgendo il ruolo di autorità (genitori, nonni, insegnanti, ecc.)
    • Disprezzo nelle attività quotidiane e nell'astrazione (mancanza di concentrazione).
    • Cambiamenti improvvisi nel loro rendimento scolastico.
    • Non desidera partecipare ad alcuna attività familiare o scolastica.
    • Aggrapparsi troppo a qualche adulto o non voler stare con alcune persone.
    • Tanto pianto e ansia.
    • Tendenza all'isolamento.
    • Incapacità di riflettere.
    • Nel caso dei bambini più grandi (adolescenti e preadolescenti) è normale che inizino a mentire e ad attaccare gli altri più frequentemente.

    È importante tenere a mente che tutti questi sintomi emotivi sono i più frequenti. Non aver paura se tuo figlio ha qualcuno di questi segni, perché come ti abbiamo detto all'inizio, dipenderà da ogni bambino.

    Per sapere se soffri di stress o meno, ricorda che questi sintomi devono rappresentare un cambiamento significativo nel tuo atteggiamento quotidiano.

    Sintomi fisici di stress

    Lo stress per i bambini non solo li colpisce emotivamente o comportamentalmente, ma possono esserci anche notevoli cambiamenti fisici. Tra questi prestare attenzione a quanto segue:

    • Enuresi: il bambino smette di controllare i suoi sfinteri e inizia a fare pipì o cacca su se stesso, sia sveglio che addormentato (quando non è più l'età perché ciò avvenga).
    • Mal di testa: continui mal di testa e mal di pancia.
    • Alterazioni durante le ore di sonno : incubi ricorrenti, che inizi a dormire poco o dormire troppe ore.
    • Cambiamenti improvvisi nelle abitudini alimentari: il tuo appetito potrebbe diminuire e potresti semplicemente non avere fame. Oppure che hai troppa fame e vuoi mangiare tutto il tempo.
    • Altri sintomi fisici senza alcuna apparente malattia fisica.

    Presta attenzione a tutti i sintomi e comportamenti che tuo figlio ha. Prendi nota e consulta il tuo psicologo o psicologo dell'educazione.

    Come prevenire o aiutare i bambini a gestire lo stress

    La buona notizia è che ci sono alcuni passi che puoi fare per aiutare i bambini a gestire lo stress . Ecco alcuni consigli da mettere in pratica.

    Controlla il sovraccarico delle attività quotidiane

    Una delle cause che generano stress è l'iperattività o l'eccesso di attività quotidiane . Oggi, i bambini dovrebbero rimanere concentrati per molte ore mentre svolgono le rispettive attività curriculari ed extracurriculari.

    Non è facile per un bambino trascorrere dalle quattro alle sette ore a scuola, fare attività extrascolastiche, tornare a casa per finire i compiti e andare a letto per rifarlo il giorno successivo. Abbiamo tutti bisogno di tempi di inattività, bambini e adulti allo stesso modo.

    Il corpo e la mente di un bambino hanno bisogno di riposo, ma non riescono a capirlo da soli. La pressione per adempiere a tutti i loro obblighi li fa iniziare a preoccuparsi di cose che non sono appropriate per la loro età.

    Ecco perché è meglio dedicare qualche minuto per rivedere la tua agenda quotidiana. Assicurati che abbia qualche tempo libero e ore spensierate durante il giorno.

    trascorri del tempo con tuo figlio

    Prendetevi qualche ora per trascorrere del tempo di qualità con i vostri bambini . Lascia che sia un momento di connessione, per parlare, conoscere meglio tuo figlio, come è o anche giocare con lui.

    Leggi di più  In che modo il meconio influisce sui movimenti intestinali del bambino? – Cura del neonato | Portale femminile

    Gioca con loro e fai attività dove non c'è pressione o competizione. È importante che da adulto tu controlli questo, perché i più piccoli di solito lo fanno in modo naturale e inconsapevole.

    Per i bambini più grandi, potrebbero semplicemente aver dimenticato come si gioca. Sì, anche se questo ti suona strano, è normale che i bambini quando crescono si preoccupino troppo delle cose di tutti i giorni e dimentichino com'è giocare senza competere.

    Controlla le ore di sonno

    Il sonno è vitale per tutto ed è per questo che deve essere una delle nostre priorità. Trascorrere giorni e giorni dormendo poco o dormendo male aumenta lo stress, perché i nostri corpi sono esausti, ma devono svolgere le stesse attività ogni giorno.

    Durante il sonno, i piccoli sviluppano il loro corpo. Inoltre, aiuta a ridurre i livelli di stress, migliora l'umore e persino il rendimento scolastico.

    Tuttavia, a seconda dell'età del bambino, potrebbe aver bisogno di più o meno sonno . In questo modo, i più consigliati sono:

    • Dalle 12:00 alle 16:00: bambini dai 4 ai 12 mesi.
    • 11:00-14:00: bambini da 1 a 2 anni.
    • Dalle 10:00 alle 13:00: bambini in età prescolare (dai 3 ai 5 anni).
    • 9:00-12:00: bambini dai 6 ai 12 anni.
    • Dalle 8:00 alle 10:00: adolescenti dai 13 ai 18 anni.

    Oltre a rispettare le ore di sonno in base allo stadio del tuo bambino, è importante mantenere una routine quotidiana . Cioè, che le ore di sonno e di cibo sono le stesse ogni giorno.

    È importante anche stabilire un ambiente di sonno sicuro. Per fare ciò, abbassa l'intensità delle luci prima di andare a dormire e controlla la temperatura della casa. Non riempire il letto di giocattoli e lasciare solo una o due cose (un peluche o una coperta) che lo aiutino a ridurre la sua ansia su base giornaliera.

    Prima di addormentarlo, riduci gradualmente i livelli di cortisolo attraverso diverse attività. Altrimenti, tuo figlio sarà di buon umore e non vorrà andare a dormire. Ad esempio, se sta giocando, metti via i suoi giocattoli, fa un bagno, cena, lava i denti e poi leggigli una storia.

    Sii un buon esempio di tranquillità, fiducia e armonia

    Tieni sempre presente che, come padre o madre, sei un esempio da seguire per i tuoi figli. Ecco perché devi insegnargli con le azioni e non con le parole. Non stare sveglio tutta la notte e aspettarti che tuo figlio vada a dormire.

    Quando un adulto ha fretta e sconvolto, trasferisce tutto questo stress sul bambino. Ecco perché affinché tuo figlio non si stressi, impari anche a rilassarti.

    Per aiutare il tuo bambino a rilassarsi, puoi scegliere di fare esercizi di respirazione e rilassamento, come lo yoga, ad esempio. Alcuni di questi esercizi sono stati adattati per i bambini. Questo li aiuterà a concentrarsi, abbassare la frequenza cardiaca e rilassarsi.

    Insegna ai tuoi figli ad ascoltare il loro corpo e a capire che possono soffrire di stress se non lo fanno. Incoraggialo a prestare attenzione a ciò che il suo corpo gli sta dicendo.

    Dì loro che è normale che a volte provino paura o ansia, specialmente quando stanno per iniziare una nuova fase. Rafforza la tua autostima. Come genitori, dobbiamo prestare particolare attenzione all'intelligenza emotiva dei bambini.

    Finora siamo arrivati ​​con questo articolo su come lo stress colpisce i bambini. Ci auguriamo che ti sia stato utile e che tu possa mettere in pratica tutti i consigli che ti abbiamo dato. Ti invitiamo a raccontarci la tua esperienza e come sei riuscita a superarla nella casella dei commenti qui sotto.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Go up