Dovrei tenere il mio bambino ogni volta che piange?

Luglio 5, 2022

Se sei arrivato fin qui, sicuramente anche tu, come molte neomamme, ti starai chiedendo: devo prendere in braccio il mio bambino subito quando piange? , dal momento che molti di noi hanno sentito da vicini, amici o altre mamme che è brutto portare il bambino quando inizia a piangere, poiché il bambino si abitua male alle braccia; Ecco perché oggi chiariamo questi dubbi che ti tormentano la testa.

    Quali sono i motivi più comuni per cui i bambini piangono?

    Quando i bambini sono piccoli , soprattutto quando sono appena nati , il pianto è un modo di comunicare con i genitori, poiché non sanno come esprimere ciò che provano, quindi potrebbero piangere da una a tre ore al giorno, questo è del tutto normale. ; Tuttavia, ci sono molti comportamenti non normali, come il pianto eccessivo ; che può essere accompagnato da determinati fattori come; sono annoiati, hanno fame, si sentono sporchi, sono stitici e hanno mal di pancia , hanno la febbre, hanno un'allergia, i bambini si irritano durante la dentizione, se tuo figlio piange più del solito è importantevai dal tuo pediatra in modo che possa determinare qual è la causa del pianto.

    È del tutto normale che il bambino pianga tutto il tempo?

    Normalmente quando un bambino piange è perché ha bisogno di qualcosa , perché esprime i suoi sentimenti ed emozioni attraverso il pianto, per questo motivo tu come genitore dovresti guardare i segni che tuo figlio vuole mostrarti, perché come è stato detto in precedenza questo pianto può essere perché ha fame e non è soddisfatto, soprattutto se gli dai in esclusiva il latte materno, perché alcuni bambini sono troppo golosi o mangiatori e molte volte non sai quante volte dovresti dargli da mangiare e le quantità giornaliere, d'altra parte questo pianto può essere un segno di sonnolenza, stanchezza e persino dolori muscolari.

    Leggi di più  Come sapere l'età ideale per mio figlio per avere uno Smartphone o un Tablet?

    Perché è importante che i genitori rimangano calmi di fronte al pianto costante di un bambino?

    È importante che i genitori mantengano la calma di fronte al pianto incessante del bambino , poiché se ci irritiamo e ci innervosiamo sentiranno le nostre cariche di energia, e si sentiranno più stressati; Ecco perché è consigliabile sapere cosa fare in caso di episodio di pianto. Dovresti mettere tuo figlio in grembo e cercare di controllarlo facendogli un massaggio o un bagno rilassante, cercare di identificare la causa del pianto, perché potrebbe essere affamato, assonnato o semplicemente bisogno del tuo affetto e delle tue attenzioni.

    Molte delle nostre mamme ci dicono che non dobbiamo reagire subito al pianto del bambino perché lo vizieremo tra le nostre braccia, ma averlo in grembo lo rende più fiducioso, e non so se si sente solo ; beh a volte questa è una delle cose per cui piangono molto e non riescono a dormire perché si sentono nervosi ; perché quando sono piccoli attraversano delle fasi dette attaccamenti,e quando la sua figura materna o paterna non c'è, lo stressa e inizia a piangere, quindi a volte noi genitori non conosciamo l'origine del pianto, soprattutto se siamo alle prime armi; ma man mano che acquisiamo esperienza, catturiamo i tipi di pianto ei loro bisogni; poiché quando è arrabbiato ha un pianto diverso rispetto a quando piange perché ha fame, è sporco o è stanco.

    Leggi di più  Esercizi di Kegel per il pavimento pelvico nelle donne in gravidanza

    Suggerimenti per agire o reagire al pianto costante del bambino

    Oggi ti daremo quei consigli che puoi applicare nel tuo caso; Potrebbe essere necessario ripeterne molti più volte fino a quando non riesci a far calmare il bambino e riesci a identificare quale funziona per te.

    Stai calmo

    In questi episodi è meglio essere sereni, mantenere il posto tranquillo senza rumori, e soprattutto tenere il bambino in un luogo sicuro, se il pianto è incessante puoi controllare il bambino per vedere se è sporco, affamato o semplicemente assonnato e non riesce a conciliarlo.

    Fai esercizi di respirazione

    Conta da 1 a 10 mantenendo la respirazione il più rilassata possibile, fai esercizi di yoga, inspira ed espira aria attraverso il naso e la bocca in modo che il tuo corpo rilasci le tensioni e ti senti più rilassato per calmare il tuo bambino.

    controllare le emozioni

    Di fronte a questi episodi di pianto, devi controllare le tue emozioni e non metterti allo stesso livello del bambino, perché questo lo stresserà un po' di più e farà durare più a lungo il suo pianto, e non ne identificherai la causa .

    Leggi di più  L'amore a distanza funziona? Come far funzionare l'amore a distanza | Portale Femminile

    fare una pausa

    Puoi chiedere a un familiare o al tuo partner di aiutarti a calmare il bambino se ti senti molto stanco; così puoi fare una pausa per quando il bambino ha un altro episodio di pianto.

    Tratta il bambino delicatamente per calmarlo

    Per calmare il bambino puoi cantargli una ninna nanna, leggergli una storia e parlargli dolcemente per calmarlo e identificare la causa del pianto. Ma se è ancora irrequieto, l'ideale è consultare il pediatra.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Go up