Come rimanere incinta dopo il trattamento del cancro? | Portale femminile

Luglio 5, 2022

Per tante donne che purtroppo hanno sofferto di una malattia terribile come il cancro e sono state in grado di superarla. Sentono molte domande sulle reali possibilità che hanno di concepire. Ecco perché nel seguente articolo parleremo di come rimanere incinta dopo il trattamento del cancro.

Ricevere un trattamento per il cancro è un'esperienza molto difficile che alcune donne affrontano dopo la diagnosi di cancro. E si teme per le conseguenze che questo tipo di trattamento può produrre. E in particolare sulle reali possibilità che esistono nel rimanere incinta e nel poter realizzare il suo sogno di mettere al mondo un bambino.

    È possibile cercare una gravidanza dopo il trattamento del cancro?

    Naturalmente, se è possibile cercare una gravidanza dopo il trattamento del cancro e ci sono molte possibilità di successo. Ma in questo caso, l'età è un fattore molto importante che gioca un ruolo predominante. Dal momento che le tue possibilità di gravidanza sono maggiori quanto più giovane sei e le possibilità diminuiscono man mano che ti avvicini alla menopausa.

    Le donne che si sottopongono a radioterapia sotto i 30 anni non avranno problemi a produrre ovuli fertili. Tuttavia, tutto può complicarsi se ricevono un trattamento per il cancro dopo i 40 anni . Poiché esiste un alto fattore di rischio che la chemioterapia causi la menopausa nelle donne e riduca le loro possibilità di gravidanza.

    Leggi di più  Come stringere, rassodare e aumentare il seno o il seno cadente? Rimedi casalinghi ed esercizi per il petto

    Sebbene alcuni dei farmaci chemioterapici siano noti per avere determinate proprietà che possono portare all'infertilità femminile . Pertanto, sarà sempre necessario che la donna si sottoponga a degli esami per verificare se è ancora fertile . E quindi prova, dopo che il dottore lo permette, prova a rimanere incinta

    Quando è consigliabile cercare una gravidanza dopo il trattamento del cancro?

    Dopo che una donna ha subito un trattamento per il cancro, deve aspettare un tempo ragionevole per cercare una gravidanza. Poiché la chemioterapia può causare infertilità momentanea. Ma le uova di bassa qualità possono essere prodotte anche a causa del trattamento, quindi il minimo raccomandato dai medici è di aspettare 6 mesi .

    In che modo il tipo di tumore e il trattamento del cancro influenzano la gravidanza?

    Quando a una donna viene diagnosticato un cancro e sta anche vivendo una gravidanza, ciò non dovrebbe significare che il trattamento del cancro debba essere posticipato. Sebbene ci siano alcuni rischi associati al tipo di tumore e al luogo in cui si trova . Ma anche il tipo di farmaci utilizzati per eseguire la procedura chemioterapica.

    Sebbene molte gravidanze si concludano con successo dopo aver subito un trattamento per il cancro. Ci sarà sempre un rischio latente che il feto subisca qualche danno o malformazione genetica o che la gravidanza sia nel suo primo trimestre. Si verifica un aborto spontaneo , così tante donne decidono di interrompere la gravidanza e abortire.

    Leggi di più  Cosa sono le paure e le fobie dell'infanzia? Quali sono le paure più comuni dell'infanzia in base all'età? | Portale Femminile

    Quali aspetti influenzano le donne quando cercano un trattamento per la fertilità?

    Ci sono molti aspetti importanti che possono influenzare notevolmente quando una donna decide di optare per un trattamento per la fertilità. E uno di questi ha a che fare con il sito in cui è stato eseguito l'intervento chirurgico per rimuovere il tumore . Poiché se questo è stato eseguito in un organo riproduttivo come la cervice o le tube di Falloppio o vicino a questi organi e in questo caso stiamo parlando del retto o del colon, c'è un'alta probabilità che la tua fertilità sia stata influenzata. Bisogna anche tenere conto dell'età fertile della donna , che può influenzare la produzione di ovaie che possono essere fecondate . Oltre che nella sua qualità, anche se è già stato detto che i trattamenti contro il cancro possono causare infertilità.

    La gravidanza può aumentare la possibilità che il cancro si ripresenti?

    Le donne dopo aver attraversato il difficile momento di soffrire di una malattia come il cancro, hanno alcune preoccupazioni e una di queste ruota attorno alle possibilità esistenti che la gravidanza possa aumentare il rischio di recidiva del cancro. E forse potrebbe essere uno dei motivi principali per cui le donne rinunciano a cercare di rimanere incinta.

    Ma in generale, la gravidanza non dovrebbe essere un motivo che aumenta sostanzialmente le possibilità di recidiva del cancro . Tuttavia, i medici insistono sul fatto che devi aspettare qualche anno per provare a rimanere incinta.

    Leggi di più  Quale shampoo è meglio usare per i capelli grassi? Soluzioni con rimedi casalinghi e naturali

    E questa volta sarà determinato da alcuni fattori, come il tipo di trattamento del cancro che è stato effettuato. Per il tipo di cancro che ha colpito la donna e il luogo, ma bisogna tenere conto anche della sua età.

    Il trattamento del cancro può influenzare l'allattamento al seno?

    Come è noto, i trattamenti oncologici che si praticano su una persona possono essere vari e questi possono avere reazioni differenti nel corpo della donna . Pertanto, sarà necessario consultare il proprio specialista per determinare se i farmaci utilizzati possono influire sulla qualità del latte che viene fornito al bambino durante l'allattamento.

    Ma è noto che i farmaci usati nella chemioterapia possono comparire nel latte materno ed essere dannosi per il bambino. In questo senso , sarebbe prudente sospendere l'allattamento al seno e sostituirlo con una formula alimentare. D'altra parte, se la donna viene trattata con radioterapia, può allattare al seno il suo bambino.

    In questi casi , l'allattamento al seno sarà sicuro in base al luogo del corpo che viene trattato con le radiazioni. E l'importo che stai ricevendo, comunque, in ogni caso e come abbiamo già accennato, è sempre meglio consultare il medico curante . E così evitare di mettere a rischio la vita del neonato.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Go up