Come faccio a sapere se ho bisogno dell'anestesia epidurale? – Preparazione al Parto | Portale femminile

Luglio 4, 2022

Rate this post

Quando arriva il momento di partorire, molte donne, in particolare le madri per la prima volta, possono essere piene di molta paura per ciò che questo processo rappresenta. E per le possibili conseguenze che possono verificarsi durante il parto. Ma ancora di più a causa del livello di dolore che può essere molto intenso ed è per questo che ti diremo come puoi sapere se hai bisogno di un'anestesia epidurale .

Sebbene le nascite di solito si manifestino senza alcun problema per la maggior parte del tempo, alcune donne non possono sopportare il dolore delle contrazioni. E possono decidere di somministrare l'anestesia epidurale, anche se di solito viene applicata anche in quelle donne che avranno un parto cesareo, ma vediamo a cosa si riferisce questo tipo di anestesia.

    Cos'è l'anestesia epidurale?

    L'anestesia epidurale consiste in un'iniezione che viene applicata nella zona lombare e che intorpidisce le radici nervose. In questo modo il corpo della donna incinta è insensibile dalla vita in giù, bloccando il dolore delle contrazioni . Ma è importante sapere che il processo del parto non si interrompe e continua normalmente, solo che non c'è più alcun dolore.

    In questi casi, quando si applica l'epidurale, la donna incinta rimane cosciente, può muoversi e sentirsi meno stressata. Questa anestesia può migliorare l'ossigenazione nella madre, poiché riduce notevolmente l'iperventilazione . Pertanto, può essere applicato nei parti naturali o in quelli che richiedono un taglio cesareo.

    Leggi di più  Come avere la pancia piatta e perdere peso con frullati verdi e rimedi casalinghi | Portale Femminile

    Come funziona l'anestesia epidurale nel corpo in gravidanza?

    La colonna vertebrale presenta strati che la proteggono oltre al liquido cerebrospinale , ma attorno a tutto questo troveremo la zona epidurale. L'anestesia viene applicata in quest'area in modo tale da bloccare i nervi che vanno alla parte inferiore del corpo . In questo modo non sentirai dolore durante il parto.

    Quando è necessaria l'anestesia epidurale al momento del parto?

    L'anestesia epidurale deve essere somministrata alle donne in gravidanza nei casi in cui non sia possibile il parto naturale . Oppure quando la madre ha la Preeclampsia, dolore molto intenso per un lungo periodo di tempo, malattie neurologiche respiratorie o renali, c'è la presenza di proteine ​​nelle urine o soffre di pressione sanguigna molto alta.

    Questa anestesia è indicata anche se il bambino è prematuro, ha una gestazione gemellare o ha una presentazione podalica. Nei casi in cui c'è il rischio di soffocamento quando il bambino rimane impigliato con il cordone ombelicale. Ma può anche essere applicato se si verifica un parto di prova o se vi è un ritardo della crescita intrauterina .

    In che modo i medici somministrano l'anestesia epidurale al momento del parto?

    Al momento del parto e per evitare che la donna incinta si muova durante le contrazioni, viene applicato un anestetico attraverso il siero. Il paziente viene quindi posto su un fianco in posizione fetale, sebbene possa anche essere seduto. In questo modo viene esposta la zona lombare e disinfettata l'area in cui viene somministrata l'iniezione .

    Leggi di più  In che modo l'uso della tecnologia influisce sulla vista del bambino?

    L'ago epidurale viene quindi posizionato approssimativamente tra L2 e L3 e quindi viene inserito un sottile catetere flessibile, noto come catetere epidurale. L'ago viene quindi rimosso in modo che rimanga solo il catetere. E attraverso di essa viene iniettato l'anestetico che bloccherà il dolore delle contrazioni nella madre .

    In quali casi non è consigliabile applicare l'anestesia epidurale alla madre?

    L'anestesia epidurale è controindicata in alcune donne in gravidanza e pertanto se ne sconsiglia l'applicazione. E il primo ha a che fare con le deformità presenti nella colonna vertebrale , dove sarà impossibile localizzare l'area epidurale. Oppure quando si esegue l'iniezione, la membrana che copre il midollo spinale viene attraversata e viene prodotta una puntura durale.

    L'anestesia epidurale sarà inoltre controindicata in quelle donne che, a causa dell'uso di farmaci o per altro tipo di disturbo, presentino problemi di coagulazione . Un'altra possibile causa che impedirebbe l'uso di questa anestesia è che la donna ha un'infezione nell'area in cui è stata eseguita l'iniezione.

    Ci sono effetti avversi quando si applica l'anestesia epidurale al momento del parto?

    L'epidurale è un'anestesia che può essere applicata a qualsiasi donna incinta e comporta pochi rischi, ma è sempre importante consultare il medico. Poiché è possibile che si verifichino alcuni effetti collaterali o complicazioni , durante o dopo il parto. Queste difficoltà possono essere, difficoltà a urinare, sensazione di gambe intorpidite o deboli.

    Leggi di più  Cos'è il Genu Valgus o Valgas Knees o Inward? Esercizi nei bambini per correggerlo | Portale Femminile

    La diminuzione della pressione sanguigna è un'altra conseguenza che può verificarsi quando si utilizza questa anestesia, quindi è necessario monitorarla e utilizzare farmaci per aumentarla. Il mal di testa può essere uno degli effetti collaterali più comuni della puntura durale. E questo non è altro che la filtrazione del fluido, che avviene avendo perforato la membrana che ricopre il midollo spinale.

    Può anche accadere che alcune aree si sentano temporaneamente insensibili ed è una situazione che può accadere una volta ogni 1000 volte. Le infezioni sono un'altra possibilità che sono rare ma si verificano.

    Verrà quindi somministrato un trattamento con antibiotici in grado di controllare l'infezione, bisogna fare attenzione a non soffrire di febbre quando si torna a casa. Sebbene possa essere prodotto anche dall'allattamento al seno.

    Un'altra conseguenza che può verificarsi durante il parto e forse perché è stata somministrata una maggiore quantità di anestesia. È l'impossibilità di spingere , anche se sai come farlo in modo che il tuo bambino esca velocemente . E quindi sarà necessario che il parto sia assistito, in questi casi il medico deve trovare il modo più idoneo per aiutare la madre a mettere al mondo il bambino.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Go up