Che cos'è la sindrome da iperstimolazione ovarica?

Luglio 5, 2022

Nel mondo di oggi in cui viviamo, molte coppie o donne che decidono di essere madri single hanno problemi a rimanere incinte. E in questi casi si rivolgono alla scienza medica, che ha una soluzione praticabile al loro problema. E non è altro che l'applicazione di un trattamento di riproduzione assistita, ma lo sapevi che c'è il rischio di soffrire di sindrome da iperstimolazione ovarica .

    Cos'è la sindrome da iperstimolazione ovarica?

    L'iperstimolazione ovarica non è altro che un'eccessiva produzione di uova da parte dell'ovaio. Quando la somministrazione di farmaci o ormoni è stata effettuata durante la stimolazione ovarica . Che possono produrre sintomi gravi nelle donne, anche richiedendo il ricovero in ospedale per invertire il processo e contrastare gli effetti.

    Quando si esegue un trattamento di riproduzione assistita, è necessario eseguire la stimolazione ovarica. Questo al fine di favorire la produzione di uova, e quindi estrarre il maggior numero di ovociti attraverso la puntura follicolare. Tuttavia, possono verificarsi alcuni eventi che producono iperstimolazione ovarica e causano diversi sintomi e complicazioni nelle donne.

    Quali sono i fattori di rischio per la sindrome da iperstimolazione ovarica?

    Ci sono fattori di rischio elevati per la sindrome da iperstimolazione ovarica nelle donne con determinate condizioni. Ma questo non significa che sia sempre così, poiché può verificarsi nelle donne senza alcun fattore di rischio. Tra i possibili fattori che aumentano le possibilità di soffrire di questa sindrome ci sono:

    • Che la donna abbia una maggiore presenza di follicoli nell'ovaio.
    • L'età è un altro fattore di rischio se hai meno di 35 anni.
    • Che la donna soffra di sindrome dell'ovaio policistico .
    • La donna è sottopeso.
    • Quando viene somministrata l'iniezione di gonadotropina corionica umana, mostra un aumento degli estrogeni.
    Leggi di più  Che cos'è lo screening neonatale per rilevare le malattie?

    Quali tipi di pazienti possono sviluppare la sindrome da iperstimolazione ovarica?

    I pazienti che hanno maggiori probabilità di sviluppare la sindrome da iperstimolazione ovarica sono quelli che hanno un alto livello di estrogeni nel corpo. Sebbene i pazienti che assumono farmaci ormonali iniettabili abbiano maggiori probabilità di soffrire di questa condizione rispetto a quelli che assumono il farmaco per via orale.

    Principali sintomi della sindrome da iperstimolazione ovarica

    I sintomi che solitamente presenta una donna affetta da iperstimolazione ovarica possono essere molto vari. E questi compaiono dopo due settimane dall'inizio del trattamento. Tra i sintomi più ricorrenti ci sono:

    Dolore addominale

    Il dolore avvertito nella zona addominale può variare da lieve a intenso a seconda del livello di infiammazione delle ovaie. E questo per la formazione di ovuli molto richiesti dai follicoli.

    nausea e vomito

    Un altro sintomo molto fastidioso che causa la sindrome da iperstimolazione ovarica è la nausea e alla fine il vomito. Diventa molto persistente quando la sindrome va da lieve a grave.

    Leggi di più  Come educare un bambino ad essere sincero e generoso e insegnare il valore della generosità | Portale Femminile

    tenerezza nelle ovaie

    Poiché la stimolazione avviene in questa zona del corpo, le ovaie hanno una sensibilità molto evidente . Anche provocando dolore semplicemente toccando o indossando indumenti che toccano o sfregano contro quest'area.

    gonfiore addominale

    L'infiammazione è un altro sintomo che si verifica quando si soffre di iperstimolazione ovarica. Nei casi in cui la complicanza è passata da lieve a grave, l'infiammazione può essere molto più evidente .

    Aumento di peso

    Questo è un sintomo che si verifica quando l'iperstimolazione ovarica è passata da lieve a grave. Soprattutto quando l'aumento di peso avviene su base giornaliera e questo è di almeno un chilogrammo ogni 24 ore .

    Ci sono rischi e complicazioni della sindrome da iperstimolazione ovarica?

    La sindrome da iperstimolazione ovarica può diventare grave e in alcuni casi portare alla morte. E, quindi, potrebbero esserci alcune complicazioni come cambiamenti di potassio o sodio. Può anche succedere che la donna soffra di problemi respiratori o abbia un'insufficienza renale.

    La sindrome da iperstimolazione ovarica può anche causare l'accumulo di liquidi nell'area addominale, compreso il torace. Un'altra complicazione che può esistere è il verificarsi di torsione ovarica o rottura di una ciste , che può causare sanguinamento. Può anche verificarsi un aborto spontaneo e in alcuni casi possono verificarsi coaguli di sangue nelle gambe.

    Suggerimenti per prevenire la sindrome da iperstimolazione ovarica

    Nel momento in cui ci si sottopone a un trattamento di fertilità come la fecondazione in vitro , è necessario seguire alcuni consigli di base. E in questo modo puoi ridurre i rischi di soffrire di sindrome da iperstimolazione ovarica , tra questi possiamo citare te.

    Leggi di più  Cosa dovrebbe mangiare a colazione un bambino in età scolare?

    Controlli costanti con il medico

    È necessario che il medico esegua una supervisione dettagliata in ogni fase del trattamento, in cui è necessario eseguire periodicamente una valutazione ecografica . In questo modo, per poter vedere l'evoluzione dei follicoli, saranno necessari anche gli esami del sangue. Per mezzo di essi è possibile verificare il livello degli ormoni contenuti nel sangue.

    aggiustamento farmacologico

    A seconda dei risultati precedenti che sono stati ottenuti per determinare i livelli di estrogeni, il medico regolerà i farmaci. Questo determinerà la dose di gonadotropina da somministrare per stimolare le ovaie a produrre ovuli.

    Precedenti test ormonali

    È necessario che il medico esegua preventivamente un esame in cui è possibile determinare i livelli ormonali . Soprattutto estrogeni, in questo modo potrai sapere quando e quale dose somministrare dei farmaci che attiveranno l'ovulazione.

    Ecografia pelvica

    L'esecuzione regolare dell'ecografia pelvica ti consentirà di monitorare da vicino l'evoluzione dei follicoli. È necessario che questo monitoraggio venga effettuato ogni giorno, così sarà anche in grado di determinare la produzione di uova.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Go up